Home Situazione Profilo
Stazione meteorologica
VEDANO OLONA

Vedano Olona è un paese di 7.192 abitanti in provincia di Varese. Sorge a circa 8 km a sud-est di Varese (latitudine 45° 46' Nord, longitudine 8° 53' Est) e si trova al confine con la provincia di Como.

Il dislivello complessivo del comune di Vedano Olona è di 125 metri, partendo dai 279 m slm della localitá Fontanelle fino ai 404 m della localitá Lazzaretto. L'altitudine a livello della casa comunale è di 360 mslm.

Ad ovest del paese scorre il torrente Quadronna che si getta poi nell'Olona in localitá Fontanelle, dove, tra l'autunno e l'inverno, si sviluppano sovente banchi di nebbia.

La morfologia del territorio di Vedano Olona si presenta varia e irregolare: dalla localitá Fontanelle nella valle dell'Olona si sale ripidamente verso l'altopiano del centro paese a circa 360 mslm, da cui si puó ammirare il panorama verso la valle stessa in direzione nord-ovest. A sud-est l'altopiano prosegue fino al confine del comune di Venegono Superiore.

Da questa terrazza si osserva la salita della Malcollina verso il comune di Lozza e poi in direzione Varese.

A sud-ovest la valle di Castiglione Olona e la salita per Gazzada.

L'altro altopiano comunale si trova in direzione est-nord-est, al di lá della ferrovia che divide i due altopiani, dove si giunge al confine con la provincia di Como e il comune di Binago, a 372m di altitudine. In questa zona si trova la stazione meteorologica di METEOVEDANO.

A sud-est si sale verso l'altura del Lazzaretto a 404 m di altitudine, dove, scendendo dal versante sudorientale si raggiunge il Pianbosco.

La zona è decisamente soggetta al föhn (o favonio): un vento da Nord, originariamente freddo, che, scendendo dalle Alpi si comprime contro il suolo delle valli e delle pianure subendo un notevole riscaldamento. Spesso le temperature, soprattutto nel periodo invernale, subiscono violente impennate (anche 9-10°C in un'ora) per poi precipitare nuovamente verso il basso al momento della cessazione della corrente favonica. Lo stesso accade per l'umiditá relativa che puó subire discese fino al di sotto del 20% per effetto del vento di caduta che talvolta puó raggiungere velocitá di oltre 90km/h. Sono poco frequenti le nebbie che invece regnano sovrane su tutta l'area della Pianura Padana.

D'estate il clima si presenta piuttosto caldo, talvolta anche afoso, ma naturalmente non comparabile con quello presente nelle zone piú aperte della pianura Padana.

In definitiva si puó ritenere che il clima sia molto simile a quello del sud del canton Ticino, che si trova a pochi chilometri di distanza: inverni non molto umidi ed estati tutto sommato sopportabili.

LA STAZIONE

Dal Novembre 2006 è attiva la nuova stazione meteorologica di Meteovedano, collocata in localitá Baraggia, nella periferia di Vedano Olona ai confini con il territorio di Binago(CO).

Altitudine 372m s.l.m, latitudine 45°46'47" nord, longitudine 8°53'47" est
Dopo molti mesi di rilevamenti termometrici si puó affermare che la zona è mediamente una delle piú fredde del territorio comunale. Si puó notare che nei periodi in cui vi è presenza di neve, lo scioglimento della stessa avviene tardivamente rispetto alle altre zone.

Le minime assolute nelle notti serene invernali sono comunque registrate nella valle dell'Olona in località (Fontanelle) e nei dintorni del torrente Quadronna.

Dal marzo 2015 la vecchia stazione meteo è stata sostituita dalla nuova Davis Vantage Pro2 a ventilazione daytime ad energia solare. Lo schermo e il posizionamento della stazione sono di tipo extraurbano e rispettano le norme OMM (organizzazione mondiale meteorologica).

IL SITO

Il sito di METEOVEDANO nasce con lo scopo di studiare il microclima, sia del territorio di Vedano Olona, sia delle zone limitrofe nelle province di Varese e di Como.

L'obiettivo primario è quello di individuare le variabili dell'andamento delle temperature, sia minime che massime e l'umiditá relativa, analizzandone le variazioni nelle zone esposte di determinati versanti, nelle zone vicine a corsi d'acqua, in quelle riparate da eventuali alture, in quelle influenzate da vegetazione, in quelle boschive e negli agglomerati urbani.

Capire le variazioni termiche che differiscono a seconda delle stagioni, della presenza o meno di nubi, di zone soggette a forti escursioni termiche e zone piú riparate.

Antonio Mazzocca, fondatore di Meteovedano, ha potuto realizzare tutto questo grazie anche alla preziosa collaborazione di Cristiano C. che ha partecipato attivamente al progetto.